Pensioni. Il 18 novembre la verifica finale. Furlan: "Dal Governo alcune proposte buone, altre da correggere"

Pensioni. Il 18 novembre la verifica finale. Furlan:

14/11/2017

Dopo un a serie di tavoli "tecnici" si è svolto oggi l'incontro "politico" a palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, i ministri dell'Economia e del Lavoro, Pier Carlo Padoan e Giuliano Poletti ed i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. Al centro della riunione l'innalzamento automatico dell'eta' pensionabile.
Il premier Paolo Gentiloni ha presentato ai leader di Cgil, Cisl e Uil un "pacchetto di proposte innovative rispetto al punto di partenza", che sono il "frutto degli incontri tecnici". Tra queste anche l'esclusione dall'adeguamento all'aspettativa di vita per 15 categorie di lavori gravosi ed una commissione che studi la gravosità delle occupazioni e che valuti la classificazione tra previdenza e assistenza ai fini di una migliore separazione. Per una verifica finale Il Governo ha accettato la proposta di Cgil, Cisl e Uil di "scrivere in maniera dettagliata i testi" per l'accordo sulle pensioni e di "rivedersi sabato 18 alle 10 a Palazzo Chigi."Alcune proposte" del governo "sono molto buone, coerenti con alcune questioni importanti che avevamo rilevato; altre vanno corrette e precisate; altre mancano". Dichiara la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, al termine dell'incontro, sottolineando come il governo si sia detto disposto a valutare un allargamento del bacino del numero di categorie "per cui sarebbe bloccata l'aspettativa di vita. La cosa più sigificativa -prosegue- è che accanto alle 15 categorie per le quali non scatta l'automatismo dell'aspettativa di vita attraverso una commissione tecnica di cui faranno parte anche Cgil, Cisl e Uil, potranno esserne aggiunte altre". Tra le cose da correggere, Furlan ha indicato l'aspettativa di vita per i lavoratori agricoli che presentano spesso attività lavorative non continuative". La Segretaria della Cisl rimanda dunque a sabato quando il governo presenterà un documento. "Vedremo il testo e faremo una valutazione".

Torna alle notizie