Contributi volontari, come vengono calcolati

Contributi volontari, come vengono calcolati

Buongiorno, da gennaio 2019 sono in stato di disoccupazione e percepisco l'ammortizzatore sociale della Naspi. Durante la mia vita lavorativa ho maturato un'anzianità contributiva pari a 38 anni. Mi rivolgo a voi per avere delle delucidazioni in merito alla contribuzione volontaria.
A Marzo 2021 la Naspi verrà esaurita, da quella data per accedere a pensione anticipata dovrei versare contribuzione volontaria per coprire le ulteriori 174 settimane per maturare il diritto.
Nel caso in cui iniziassi a svolgere un lavoro a tempo determinato, mi chiedo su quale anno lavorativo sarebbero calcolati i contributi volontari? Quello riferito al lavoro a tempo indeterminato o quello costituito dai periodi di lavoro determinato? Grazie

 

I contributi volontari sono calcolati su base settimanale. Per ottenere l'importo del contributo volontario settimanale da versare, bisogna applicare l'aliquota prevista per i contributi obbligatori, che per quelli autorizzati a partire dal 1996 è pari al 33%, alla media della retribuzione imponibile percepita l'anno precedente alla data di autorizzazione.

In pratica, bisogna considerare l'imponibile INPS dei 12 mesi precedenti indicato nelle buste paga, fare una media, ed applicare all'imponibile medio mensile l'aliquota del 33%. I contributi volontari mensili così calcolati vanno moltiplicati per il numero di mesi che devono essere coperti ai fini della pensione: si arriva così al costo complessivo dei contributi volontari.

A tal punto le ricordiamo che al versamento dei contributi volontari, bisogna essere autorizzati dall'Ente di Previdenza di propria iscrizione, inoltre, per legge, questi non possono essere versati tutti in un'unica soluzione ma è necessario rispettare il termine trimestrale obbligatorio del versamento e che possono essere versati al massimo contributi pari a 6 mesi (26 settimane) scoperti da contribuzione (anteriore) alla data della domanda di versamenti volontari.

Ad ogni buon fine la invitiamo, a recarsi presso il nostro Patronato Inas-Cisl della sua città, con la relativa documentazione, per ottenere l'assistenza necessaria diretta a verificare l'esatto importo dovuto e le decorrenze dei versamenti.

14/09/2020

Condividi l'articolo su: